Coppia lesbica rifiuta di baciarsi su ordine dei teppisti: picchiata a sangue

Episodio gravissimo su un bus a Londra.

Una delle due ragazze ha pubblicato su Facebook l’immagine che è stata condivisa da migliaia di utenti

di Francesco Tortora

Coppia lesbica rifiuta di baciarsi su ordine dei teppisti. Picchiata a sangue sul bus a Londra

Sta facendo il giro del web la foto di Melania Geymonat e della sua compagna Chris, coperte di sangue dopo essere state picchiate selvaggiamente su un bus a Londra da una gang di teppisti. Questi ultimi avrebbero ordinato alle due ragazze di baciarsi per intrattenerli e al loro rifiuto le hanno massacrate di botte. Lo scatto è stato pubblicato mercoledì su Facebook da Melania ed ha attirato migliaia di commenti e condivisioni.

Le molestie

I fatti sono avvenuti nella notte tra il 29 e il 30 maggio. Dopo aver passato una serata a West Hampstead, nel nord-ovest di Londra, Melania e Chris stanno rincasando verso Camden, uno dei quartieri più alternativi di Londra. Le due ragazze sono sedute al secondo piano del bus quando vedono un gruppo di ragazzi, tutti tra i 20 e i 30 anni, avvicinarsi. La gang si è accorta che Melania e Chris sono una coppia lesbica, partono subito le molestie: “Volevano che ci baciassimo in modo che potessero guardarci – ha dichiarato Melania al Daily Mail -. Ho cercato di stemperare la situazione perché non sono una persona che cerca problemi, ho detto loro di lasciarci sole, perché Chris non si sentiva bene”.PUBBLICITÀ

inRead invented by Teads

La violenza

A questo punto gli uomini diventano violenti. Prima lanciano oggetti sulle ragazze e poi prendono di mira Chris: “La picchiavano con violenza – racconta Melania -. Non ci ho visto più e ho cercato di difenderla. Hanno iniziato a colpire anche me. Non so nemmeno se ho perso conoscenza. Sentivo il sangue scorrere sui vestiti e sul pavimento”. Melania, che lavora come hostess di Ryanair, si è trasferita a Londra l’anno scorso dall’Uruguay dopo essersi laureata in medicina a Montevideo. Finora – ha detto – si sentiva al sicuro a Londra. La 28enne ha deciso di pubblicare l’immagine per denunciare l’ennesimo attacco contro donne e omosessuali nella capitale britannica. Secondo la polizia gli episodi di violenza e crimini d’odio sui mezzi di trasporto sono raddoppiati negli ultimi cinque anni: “Questo non è un caso isolato – ha dichiarato Melania -. E’ solo l’ennesima storia di violenza. Siamo state viste come una forma di intrattenimento e questo mi fa davvero male”.

Fonte: https://www.corriere.it