Cacciatore scambia il padre per un cinghiale e lo uccide con una fucilata

Una battuta di caccia finita in tragedia. È accaduto in località Gammariello, nella zona del comune di Sicignano degli Alburni, in provincia di Salerno

Foto LaPresse – Daniele Leone

Di Filippo Raggio -22 Settembre 2019

SALERNO – Cacciatore scambia il padre per un cinghiale e lo uccide sul colpo. Una battuta di caccia finita in tragedia. È accaduto in località Gammariello, nella zona del comune di Sicignano degli Alburni, in provincia di Salerno. Dove un uomo di 34 anni ha ucciso sul colpo il padre, di 55 anni, scambiando i suoi passi per quelli di un cinghiale. Sul posto sono intervenuti immediatamente i Carabinieri nel Nucleo operativo di Eboli. Che hanno provveduto a svolgere gli accertamenti del caso e individuare il responsabile dell’accaduto. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, i due si erano addentrati nella fittissima radura della zona montagnosa e impervia. Quando i cani dei cacciatori, originari di Postiglione, altro comune del Salernitano, hanno segnalato la presenza di un cinghiale.

Il padre, sbagliando, si sarebbe però posizionato proprio nella direzione di tiro del figlio. Che sentendo prima il rumore di rami secchi e in seguito all’abbaiare dei suoi cani, segnale che prelude il passaggio della preda, ha visto la sagoma e ha aperto il fuoco colpendo il genitore al ventre, uccidendolo sul colpo. Il 34enne è ora indagato e a dispozione dell’autorità giudiziaria per omicidio colposo. Ma dovrà rispondere anche di un altro reato, attività venatoria di frodo, visto che nella zona è in vigore il periodo di divieto di caccia ai cinghiali. Sia le armi che il porto d’armi, infatti, sono stati sequestrati dagli inquirenti.

(LaPresse)

Fonte: https://cronachedi.it