Fine del divieto di uccisione di elefanti in Botswana, all’asta 7 licenze per uccidere 70 pachidermi

Il Botswana terrà la sua prima asta per cacciatori di trofei con l’obiettivo di vendere licenze per uccidere 70 elefanti. Secondo quanto riferito da Bbc Africa, il governo sta mettendo in vendita sette “pacchetti” di caccia, ognuno contenente licenze di uccidere 10 elefanti.

Gli interessati dovranno depositare 18.000 dollari per partecipare all’asta. La stagione venatoria del 2020 inizierà ad aprile e vedrà in seguito il rilascio di altre licenze per l’uccisione di ulteriori 200 elefanti.

Nel 2014 il Botswana aveva emesso un divieto generale di caccia agli elefanti per proteggere gli animali, ma l’anno scorso lo ha revocato. La mossa del presidente del Botswana, Mokgweetsi Masisi, per i critici si deve a una sorta di appello nei confronti degli elettori rurali che hanno maggiori probabilità di entrare in conflitto con gli elefanti.

Funzionari del governo hanno infatti sostenuto che questi animali mangiavano le colture e talvolta calpestavano le persone. Con circa 130.000 esemplari, il Botswana vanta il maggior numero di elefanti al mondo.

Segui LaZampa.it su Facebook (clicca qui)Twitter (clicca qui) e Instagram (clicca qui)

Fonte: https://www.lastampa.it