l coronavirus potrebbe innescare il più grande calo delle emissioni di CO2 dalla seconda guerra mondiale

©Shutterstock/dyi13

Il lockdown dei principali paesi (inquinatori) del mondo, dalla Cina agli Stati Uniti, potrebbe portare al più grande calo delle emissioni dalla Seconda guerra mondiale.

Lo dice uno dei principali scienziati del settore, Rob Jackson, a capo del Global Carbon Project, che produce stime annuali sulle emissioni. Secondo Jackson, la produzione di CO2 potrebbe diminuire di oltre il 5% su base annua, il primo calo dopo una riduzione dell’1,4% nel 2008.

Quell’anno infatti le emissioni mondiali di gas serra diminuirono a seguito della crisi finanziaria globale.

“Non sarei scioccato nel vedere un calo del 5% o più delle emissioni di anidride carbonica quest’anno, qualcosa che non si vede dalla fine della seconda guerra mondiale”, ha detto a Reuters Jackson, che insegna anche scienza del sistema terrestre alla Stanford University in California. “Né la caduta dell’Unione Sovietica né le varie crisi petrolifere o di risparmio e di prestito degli ultimi 50 anni hanno probabilmente influenzato le emissioni così come questa crisi”.

Gli scienziati del clima avevano già avvertito i governi del mondo che si doveva correre ai ripari per contrastare i cambiamenti climatici: le emissioni globali dovevano necessariamente essere ridotte entro il 2020 per evitare danni irreparabili. Così sta accadendo, nostro malgrado.

Le maggiori economie mondiali, Cina e Stati Uniti solo per citare le due massime potenze, hanno dovuto chiudere i rubinetti dell’economia costringendo la popolazione e i lavoratori a fermarsi per evitare la diffusione del coronavirus. La storia è identica in molti altri stati del mondo, dall’Italia alla Spagna, con una notevole riduzione delle emissioni inquinanti. L’emergenza sanitaria globale che ha sconvolto il mondo e ha contagiato un milione di persone ha bloccato le fabbriche, le compagnie aeree e costretto centinaia di milioni di persone a rimanere a casa.

Le previsioni sul calo delle emissioni

Il mese scorso, Glen Peters, direttore di ricerca del Center for International Climate Research di Oslo, ha previsto che le emissioni di carbonio scenderanno tra lo 0,3% e l’1,2% quest’anno, utilizzando previsioni sempre più alte per la crescita del PIL globale dall’OCSE. Pochi giorni dopo, il Breakthrough Institute, un centro di ricerca in California, ha previsto che le emissioni diminuiranno dello 0,5-2,2%, basando i suoi calcoli sulle previsioni di crescita di JP Morgan e ipotizzando che l’economia globale si riprenda nella seconda metà. ”

Per Seaver Wang, analista del clima e dell’energia dell’istituto

“È come se tornassimo indietro nel tempo ed emettessimo la stessa quantità di qualche anno fa, che era già troppa”.

© Global Carbon Project

Neanche il lockdown ci salverà dai cambiamenti climatici

Il previsto calo delle emissioni di quest’anno non sarà comunque sufficiente a evitare cambiamenti climatici potenzialmente catastrofici. Un rapporto delle Nazioni Unite pubblicato nel 2019 ha rilevato che le emissioni globali dovrebbero diminuire del 7,6% da un anno all’altro, in media, se vogliamo avere la possibilità di limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5 gradi Celsius. Ma oggi abbiamo già 1° Celsius in più rispetto ai livelli dell’età industriale, mentre le emissioni globali di carbonio sono circa 150 volte maggiori rispetto ali 1850 secondo il World Resource Institute.

“Anche se c’è un calo delle emissioni nel 2020, diciamo il 10% o il 20%, non è trascurabile, è importante, ma da un punto di vista climatico, sarebbe una piccola cosa se le emissioni tornassero al pre-COVID- 19 livelli di crisi nel 2021 ”, ha detto a Reuters Pierre Friedlingstein, presidente della modellistica matematica del sistema climatico presso l’Università di Exeter, nel sud-ovest dell’Inghilterra.

“Questo calo non è dovuto ai cambiamenti strutturali, quindi non appena sarà terminato il confinamento, mi aspetto che le emissioni tornino vicine a dove erano”, ha detto però Corinne Le Quéré, scienziata del clima dell’Università dell’East Anglia nell’Inghilterra orientale.

Così sta accadendo in Cina, dove le emissioni sono diminuite di circa il 25% quando il paese ha chiuso le fabbriche e messo in atto le rigorose misure di contenimento, ma gli inquinanti stanno già tornando al loro consueto livello.

Anche se i livelli di inquinanti nel 2020 scenderanno, purtroppo la ripresa economica li potrebbe riportare al punto di partenza. E’ l’occasione giusta, quindi,a per ripensare a un’economia realmente low carbon. Sta al mondo decidere da quale tipo di economia ripartire. Ma una volta risolta la pandemia, di certo, il mondo non potrà più ignorare le forze silenziose della distruzione che gli scenziati hanno avvertito per anni: l’inquinamento e il riscaldamento globale.

Fonti di riferimento: Report ONUReutersWorld reource institute

Fonte: https://www.greenme.it