CORONAVIRUS, BRIAN MAY: “È STATO IL CONSUMO DI CARNE A SCATENARE LA PANDEMIA”

ROCK NEWS

Il chitarrista dei Queen si è scagliato contro il consumo di carne come probabile causa che avrebbe generato il covid-19

Il chitarrista dei Queen Brian May in una recente intervista con NME ha criticato il consumo di carne e lo ha citato come principale causa scatenante del coronavirus, nonostante manchi ancora il consenso scientifico sull’origine della malattia.

Nell’intervista rilasciata al popolare magazine online inglese, May ha dichiarato: “Questa pandemia sembra provenire da persone che mangiano gli animali e sta diventando sempre più noto a tutti che mangiare animali non è la cosa migliore per la nostra salute… Abbiamo visto più di qualche effetto di come mangiare gli animali ci abbia messi in ginocchio, penso che sia tempo di riesaminare il nostro mondo in modo da non abusare di altre specie.

Leggi anche: Greenpeace all’Ue: “Il consumo di carne va ridotto del 70% entro il 2030”

Il chitarrista ha dichiarato di essere diventato vegetariano lo scorso gennaio: “Sono più incline al veganismo perché per me è la strada giusta da percorrere“.

I commenti di Brian May arrivano il giorno dopo che un’altra grande star della musica, Paul McCartney, ha chiesto l’abolizione dei mercati cinesi che vendono carne e animali vivi e dove alcuni hanno ipotizzato l’origine della malattia. Li ha descritti come “medievali” e ha detto: “Sembra che la Sars, l’influenza aviaria, ogni sorta di altre cose che ci hanno afflitto [siano venute da lì]… A cosa servono? Sono pratiche medievali. Hanno bisogno di ripulire il loro modo di fare le cose

Fonte: https://www.virginradio.it